Più è buio e più si vedono le stelle: pensieri e parole del nostro GM Max Del Conte

“Più è buio e più si vedono le stelle” direbbe un noto poeta contemporaneo in merito all’approccio da seguire tra le avversità della vita.

In una stagione buia per la pallacanestro teatina, c’è un uomo che riesce a vedere le stelle e che, con la sua passione e il suo lavoro, trasmette questa capacità a tutti i suoi collaboratori con un’energia travolgente, andando oltre gli ostacoli, oltre le critiche, oltre le disillusioni di molti. Ovviamente stiamo parlando del nostro GM Max Del Conte con il quale ci siamo intrattenuti nei giorni scorsi per tracciare un bilancio del passato, una valutazione del presente e, soprattutto, gli obiettivi del futuro. Buona lettura!

Partiamo da dove ci siamo fermati: la vittoria casalinga contro l’Azzurra Lanciano di domenica scorsa. A mente lucida, dopo aver metabolizzato il tutto, possiamo dire che si è trattato di un successo fondamentale per l’economia della classifica?

Innanzi tutto è stata una prova di maturità dei ragazzi perchè Lanciano fu l’unica squadra a batterci durante il girone d’andata. Volevo vedere la reazione del gruppo che c’è stata ed si è rivelata più che positiva. Tutti hanno dimostrato di valere la categoria ed il primo posto che occupiamo. Sicuramente c’è ancora da lavorare e, dato non meno pesante, stiamo riscontrando diversi problemi con l’infermeria che non riesce a svuotarsi: ciclicamente si verificano degli infortuni che non ci permettono di allenarci e giocare tutti insieme. Questo non è e non deve essere un alibi. Come prefissato già in estate, il nostro principale obiettivo è chiudere al primo posto sia in regular season che nella fase ad orologio per poter usufruire del fattore campo nelle serie di playoff.

Hai accennato ad un aspetto importante: gli infortunati! Ad Andrea Sabbatinelli, da tempo fuori, la scorsa settimana si è aggiunto anche Ivan Traversi. Come stanno i ragazzi?

Hai detto bene. Ivan ha patito una forte distorsione alla caviglia con interessamento dei legamenti mentre Sabba ha riscontrato una fastidiosissima ernia che non ci permette di ipotizzare se possa rientrare prima della fine del campionato. In estate abbiamo allestito un roster lungo per affrontare ogni evenienza e, purtroppo, adesso le rotazioni si stanno accorciando. C’è da dire che nemmeno Costanzo e Cefaratti sono al meglio, Gigi soprattutto in questi ultimi giorni si è allenato pochissimo per un fastidio alla schiena. La situazione non è brillantissima e anche per questo motivo ci stiamo guardando attorno sul mercato; entro il 28 febbraio abbiamo la possibilità di prendere qualche rinforzo...

Questa è una notizia bomba per tutti i tifosi! Quindi possiamo confermare che ci saranno novità in arrivo nei prossimi giorni?

Assolutamente. Non voglio sbilanciarmi troppo ma la Società sta facendo di tutto per rinforzare un roster già di per sè molto valido come dimostra la classifica e per consegnare nelle mani del coach Cinquegrana dei tasselli che pensiamo possano valorizzare il gioco della squadra. Stiamo cercando di portare avanti la programmazione del lavoro che ci siamo prefissati per quest’anno per continuare sempre meglio. Ci stiamo guardando attorno, stiamo valutando giovani anche di altre Società abruzzesi. Abbiamo contattato alcuni atleti che si sono mostrati entusiasti all’idea di venire da noi. È vero, il campionato non è di eccelsa caratura ma il nome di Chieti attira moltissimo così come la possibilità di allenarsi e giocare al PalaLeombroni! Vogliamo fare bene anche in ottica futura perchè, anche se può essere scontato, questo è un progetto a lunga scadenza.

Tornando a focalizzarci sul campionato, domenica ci aspetta una partita interessante a Roseto. Vincere significherebbe mettere in bacheca il primo posto in classifica. Sulla carta lo scontro è abbastanza impari ma giocare al PalaMaggetti...

Roseto, di fatto, gioca con il gruppo Under 18, con tutte le difficoltà del caso in una categoria come la Serie D dove si vedono veri veterani del gioco. Certamente, dal punto di vista ambientale, è una partita che, per i ragazzi più giovani, potrebbe incutere timore scendendo su un parquet storico italiano, di Serie A2. Tuttavia sappiamo che si tratta di una partita decisiva perchè un’eventuale vittoria ci consentirebbe di chiudere primi in regular season. Quindi cercheremo di imprimere subito gran ritmo, tentando l’allungo nei primi possessi per tornare a casa con i due punti.

Area Comunicazione Asd Chieti Basket

Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie.